Quasi un "overcooking"…

C’è proprio voglia di ritornare alle origini. Le tradizioni. I riti.
Ci vogliono i riti.
Con grande coraggio, devo dire, e il contributo di più mani, teste e sopratutto cuori, siamo riusciti, dopo l’evento “zero” dello scorso 10 Dicembre, il Pasta Madre – Terra Madre Day, a riportare l’emozione del “forno del pane” in centro a Bologna, nel cortile della Cineteca ospiti del Mercato della Terra.

Come un salto nel vuoto ci chiedevamo quante persone avrebbero avuto il coraggio, la voglia, l’entusiasmo e la pazzia di svegliarsi presto anche il sabato, per partecipare a questo rito, il nostro rito.

E con grande sorpresa, il piccolo ma funzionale e romantico forno a legna, si è riempito quasi al massimo della sua capacità, con 18 tra pani, filoni, crescente e focacce, rigorosamente a pasta madre portate da un piccolo esercito di sognatori.

Sognatori che hanno condiviso con noi l’attesa: l’attesa del riscaldamento del forno, l’attesa della cottura dei pani. E in quell’ora, mentre spacciavamo pasta madre a nuovi, si spera, panificatori indefessi, non sono mancanti i commenti, i consigli, le chiacchiere, gli scambi di opinione.

“Ma che farina usi?” “Ma quale percentuale di utilizzo tra farina e pasta madre?” “Ma come mai non mi viene una bella crosta?”
E’ stata un’attesa stimolante.

E poi, ecco i pani. Cotti, croccanti e profumati.

Vi aspettiamo sabato prossimo, che dite?

P.s. E’ già pronto il modulo di prenotazione per la cottura, mi raccomando, la prenotazione è obbligatoria!

Annunci

3 risposte a “Quasi un "overcooking"…

  1. Che meraviglia!Ormai sono sempre più convinta che lo entusiasmo della gente che cerca il lievito e la panificazione tradizionale sia qualcosa di magico, che funge da carburante per proseguire nella strada intrapresa, anche se qualche volta ci si pone dei dubbi. E' bello, anzi è molto bello condividere pane, lieviti, forno… Praticare la generosità con gli altri è il carburante inesauribile di tutto ciò.Bravi, bravi, bravi.

  2. Che meraviglia!!! sono un po' invidiosa….. Non posso venire a Bologna da Ravenna con la mia pagnotta….Per il momento mi accontento del mio pane con pasta madre cotto nel forno a gas. Di nuovo complimenti! Franca

  3. ciao Riccardoche meraviglia!!a me resta solo il rammarico di non poter far parte di questo "piccolo esercito di sognatori"!!!…e solo la consapevolezza di appartenere a quella piccola schiera che abita in un centro dove ancora , indefesso, resiste un forno pubblico!!…che meraviglia!un caro saluto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...