Allora è davvero una moda?

Allora è forse davvero la moda del momento, come ha detto Bonci sabato scorso?
Succede che sempre più riviste, quotidiani e blog si stanno avvicinando al mondo della pasta madre, cercando di capire le motivazioni di questa rinascita panificatoria casalinga così diffusa e importante.

Sicuramente, quando si tratta di riscoperta di un saper fare del passato, che appartiene alla nostra storia e alle tradizioni delle nostre famiglie, non si tratta di una squallida e triste moda passeggera. Si tratta invece di un segno molto più profondo e molto più ricco di significato: il riappropriarci della nostra vita, dei tempi, il ritrovare la serenità familiare attraverso la sovranità alimentare…l’indipendenza dalla società dei consumi che ci vuole “mordi e fuggi”, incapaci di apprezzare l’attesa di una lievitazione.

Ieri ho impiegato tutta la domenica nel preparare dei bomboloni integrali a pasta madre da portare al lavoro. Chi avrà apprezzato oggi il loro essere diversi dai bomboloni del bar, rigonfi e tronfi di lievito, margarina e fritti in oli vegetali non meglio identificati? A volte la verità fa male. E a volte i nostri sensi hanno bisogno di essere ingannati.

Se panificare a pasta madre è una moda che ci porta alla riscoperta della verità e dell’importanza delle cose, beh, sono contento di essere così all’avanguardia e fashion 🙂

Detto questo, nella mia escalation verso la notorietà (ahah) sono stato intervistato da un apprezzabilissimo blog che tratta temi di ecologia e sostenibilità: MadreTerra’s Weblog.
Ecco il link all’intervista, buona lettura, se vorrete.

Annunci

5 risposte a “Allora è davvero una moda?

  1. Ciao. Ho letto l'articolo e direi che panificare con la pasta madre, oltre a farti ritrovare l'amore e l'ansia dell'attesa, è un ritorno ai sapori autentici che troppi hanno dimenticato. non è una moda, ma un riappropriarsi delle nostre radici, dei gusti e dei sapori che stavano per scomparire. La settimana scorsa ho fatto una scambio con un'altra "spacciatrice" della zona. Qui (http://cognateincucina.blogspot.com/2012/02/un-pane-semplice-semplice.html) il risultato. Grazie per avermi regalato questa esperienza. Anna

  2. Ne sono convinta….non è una moda.La mia certezza? Quando mia nonna 87enne ha assaggiato il mio panettone, ma soprattutto quando ha assaggiato il mio pane ha chiuso gli occhi e quasi commossa ha detto che le veniva in mente la sua infanzia.un salutoneElena

  3. sono circa 25 anni che faccio il fornaio per tanto tempo le persone mi hanno fatto domande del tipo:ma perchè il pane non è più buono?perchè la sera è molle?mi imbarazzava il mio lavoro che già è una vita fuori dagli schemi ma a volte era troppo. ho scoperto i lieviti naturali,mi rendo conto della soddisfazione mia personale e della voglia di sperimentare continuamente è una sana droga!!! ora mi trovo senza lavoro e con un alta professionalità,i familiari e gli amici con un girovita leggermente allargato,ma tutti contenti.e il lavoro che amo arriverà ne sono sicuro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...