Pane da toast ai semi di girasole

La corsia dei pani confezionati nei supermercati ha del terrificante. Di solito la evito a piè pari, ma quando voglio proprio farmi del male (o due risate, a seconda dell’ispirazione della giornata) mi ci soffermo e leggo gli ingredienti delle innumerevoli versione di pani “sempre morbidi”, “adatti ai bambini”, “per una colazione sprint o una merenda di metà mattina”.
Argh.
Aromi, addensanti, stabilizzanti, siero di latte, glutine “in purezza”, alcol etilico e chi più ne ha più ne metta. Molti di questi optional servono a dare immortalità al nostro filone (di pane) d’arte contemporanea…

Ma, forsenontuttisannoche un pane fatto come si deve, con pasta madre e farina biologica macinata a pietra, dura di per sè più di una settimana, se non lo divorate prima, e se messo in una semplice forma da plumcake (nella foto un “fighissimo” stampo in bambù riutilizzabile) può essere facilmente tagliato a fette, farcito e tostato come farebbe un americano qualunque.
Non potrete fare come lo chef Tony della pubblicità quando ansimava “moooorrrbido, come piace a mia madre” (ve lo ricordate?) ma avrete diverse e gastronomicamente più valide soddisfazioni.

La ricetta.

Pane da toast ai semi di girasole
per il rinfresco
100 gr di pasta madre
200 gr di acqua tiepida
300 gr di farina di frumento bio
per il pane
450 gr di pasta madre rinfrescata da 4-5 ore
750 gr di farina integrale macinata a pietra di frumento varietà gentilrosso
500 gr di acqua tiepida
100 gr di semi di girasole
30 gr di olio extra vergine di oliva
10 gr di sale
Disciogliete nell’acqua tiepida la pasta madre, aggiungendo successivamente tutti gli ingredienti impastando con passione e attenzione. Lavorate l’impasto per bene finchè non si presenterà tenace ma elastico sotto le vostre mani. Formate una palla e fate riposare fino al raddoppio, per circa 4-5 ore. 
Rilavorate l’impasto stirandolo e formando un piccolo filone. Disponete il filone in uno stampo per plumcake (foderato di carta da forno) e fate riposare per almeno un’oretta. Infornate a forno già caldo (250°C) per 10 minuti, poi continuate la cottura abbassando la temperatura (180°C) fino a competa cottura (per circa 30 minuti, a seconda delle dimensioni).
Annunci

11 risposte a “Pane da toast ai semi di girasole

  1. Eccome se è fantastico lo stampo!!! Eh eh anche io salto a piedi pari il reparto dei pani confezionati, biscotti e simili… anche se non nego in passato d'averli provati. Che orrore!!! Ho appena rinfrescato la pasta madre e domani -finalmente- si panifica 🙂 ..Magari con un bell'acquazzone, ..sarebbe suggestivo!Il pane lo segno 🙂 Grazie,NotteSissa

  2. esistono degli stampi apposta per il pane in cassetta con il coperchio a scorrere e le pareti esattamente verticali. la crosta viene morbidissima. io ci avrei messo anche un po' di latte, di mucca o di soia o di riso o quel che volete.

  3. scusa, mi puoi spiegare un pò meglio, dunque il rinfresco lo faccio con 100 gr di pasta madre che ho in frigo non rinfrescata poniamo da 4 o 5 giorni . e lo faccio seguento lo schema 100 di PM 200 diacqua e 330 di farina. Io il rinfresco però la faccio diversamente ma vabbè. dopo 5 ore ne prendo 450 per il pane e il resto lo rimetto in frigo giusto? grazie maria

  4. Ciao Maria, il rinfresco lo puoi fare anche con proporzioni diverse. Tieni conto che come sempre molto dipende dalle condizioni ambientali e della tua pasta madre. Poi si, alla fine ne prendi circa 450 grammi per il pane…e il resto lo rimetti in frigo!

  5. Ciao Riccardo, ho scoperto ieri il tuo sito:molto bello e ricco di contenuti.Ieri sera ho impastato il tuo pane da toast apportando qualche modifica:mix di semi di girasole,sesamo e papavero,mix di farina Manitoba (mi perdoni?) e farro semintegrale.Prima lievitazione di circa 10 ore, poi secondo impasto, pieghe a tre (credo sia un suggerimento di Felder)e forma, II lievitazione di un'ora circa nella forma.Risultato ottimo, alveolatura piccolissima e molto leggero.Grazie!nadia

  6. Ciao, fatto ieri sera primo impasto, la notte ha triplicato!poi impastatinaveloce, riposo in teglia per un oretta e cottura secondo la tua ricetta. Fantastico! Morbido e ben alveolato dentro, coccante fuori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...